Angelodiluce Illuminazione
Entra a far parte del forum Angelodiluce.
Ora puoi visullizzare solo una parte del forum, il resto dopo esserti iscritto e presentato
Ciao, ti aspettiamo
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Pagerank
Page Rank Checker Button
Partner


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

google
Ricerca personalizzata
traduttore

La presenza mentale ed i semi della consapevolezza

Andare in basso

La presenza mentale ed i semi della consapevolezza

Messaggio Da Angelodiluce il Gio Nov 18, 2010 1:21 am

La presenza mentale ed i semi della consapevolezza

del dr. John Kabat Zinn

Tratto da:"Ritrovare la serenità"
(di John Kabat Zinn)
- Raffaello Cortina Editore -

(La "presenza mentale" è la consapevolezza che emerge, prestando
attenzione, di proposito, nel momento presente e senza giudicare, alle
cose, cosìcome sono)

LA PRESENZA MENTALE
E I SEMI DELLA CONSAPEVOLEZZA

In un certo senso questa nostra capacità alternativa ci è familiare
da sempre, solo che la modalità mentale del fare l'ha eclissata.

Questa capacità non agisce tramite il pensiero critico, bensì tra-
mite la consapevolezza stessa. La chiamiamo modalità dell' essere.

Noi non percepiamo le cose soltanto attraverso il pensiero, le
sperimentiamo anche in modo diretto, tramite i sensi. Siamo in
grado di percepire direttamente cose come i tulipani, le auto e un
vento freddo e di reagire a seconda dei casi. E possiamo essere
consapevoli anche del fatto stesso di fare esperienza. Abbiamo
intuizioni e sentimenti. Non sappiamo le cose soltanto con la te-
sta, ma anche con il cuore e con i sensi. Inoltre possiamo essere
consapevoli del fatto di pensare; l'esperienza cosciente non si
esaurisce nel pensiero.

La modalità dell' essere è un modo di conoscere del tutto
diverso dal pensiero della modalità del fare. Non
è migliore, è semplicemente diverso; ma ci offre tutto un altro
modo di vivere la nostra vita e di relazionarci alle emozioni, allo
stress, ai pensieri e al nostro corpo. In più, è una capacità che tut-
ti noi già possediamo, solo che è stata un po' trascurata ed è po-
co sviluppata.

La modalità dell'essere è l'antidoto ai problemi creati dalla
modalità del fare .

- -----
Coltivando la consapevolezza della modalità dell'essere pos-
siamo:

- Uscire dalla nostra testa e imparare a percepire il mondo diret-
tamente, in modo esperienziale, senza l'incessante cronaca dei no-
stri pensieri. Può darsi che ci apriamo alle illimitate possibilità di es-
sere felici che la vita ha da offrirei.

- Vedere i nostri pensieri come eventi mentali che vanno e vengo-
no nella mente, come nuvole che attraversano il cielo, invece di
prenderli alla lettera. Finalmente l'idea che siamo dei buoni a nulla
antipatici e inutili può essere vista come una semplice idea e non ne-
cessariamente come la verità, il che potrebbe aiutarci a non farci caso.

- Cominciare a vivere proprio qui, in ogni momento presente.
Quando smettiamo di soffermarci sul passato o di preoccupara per
il futuro, siamo aperti ad abbondanti fonti d'informazione che ci
eravamo persi; queste informazioni possono tenerci fuori dalla spi-
rale discendente dell'umore e prepararci a una vita più ricca.

- Disattivare il pilota automatico nella nostra testa. Essere più con-
sapevoli di noi stessi - tramite i sensi, le emozioni e la mente - può aiu-
tarci a orientare le nostre azioni nella direzione in cui desideriamo ve-
ramente indirizzarle e a risolvere efficacemente i problemi.

- Scansare la cascata di eventi mentali che ci trascina nella de-
pressione. Quando coltiviamo la consapevolezza, possiamo riuscire
a riconoscere in uno stadio precoce i momenti in cui è più probabile
che scivoliamo in depressione e reagire al nostro umore in modo da
evitare di essere trascinati ancora più giù.

- Smettere di cercare di costringere la vita a essere in un certo
modo perché in questo momento siamo a disagio. Saremo in gra-
do di riconoscere che desiderare che le cose siano diverse da come so-
no in questo momento è l'inizio della ruminazione.

Il resto di questo libro descrive in dettaglio come coltivare il ti-
po di consapevolezza di cui stiamo parlando. La capacità in que-
stione è definita anche presenza mentale e può cambiare profon-
damente la vostra vita.

avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 1061
Data d'iscrizione : 31.10.09

http://angelodiluce.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum