Angelodiluce Illuminazione
Entra a far parte del forum Angelodiluce.
Ora puoi visullizzare solo una parte del forum, il resto dopo esserti iscritto e presentato
Ciao, ti aspettiamo
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Pagerank
Page Rank Checker Button
Partner


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

google
Ricerca personalizzata
traduttore

Le connessione fra scienza e kabbalah

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Le connessione fra scienza e kabbalah

Messaggio Da Angelodiluce il Mar Nov 16, 2010 8:17 pm

Le connessione fra scienza e kabbalah

di Shazarahel

Un viaggio appassionante nella Kabbalah in cui i due storicamente
inconciliabili e incompatibili opposti, scienza e fede, si raggiungono e
fondono in un'armoniosa unità...

La Torah è il DNA spirituale del popolo ebraico e, allo stesso tempo, la
matrice del suo DNA biologico: la continua, ininterrotta lettura e
ripetizione di generazione in generazione delle parole in essa contenute ha
letteralmente plasmato il codice genetico del popolo eletto.

Le più recenti scoperte scientifiche forniscono prove in laboratorio di ciò
che i Kaballisti dichiarano da alcuni millenni, e cioè che il linguaggio
umano, le parole, il suono e le frequenze vibratorie possano influenzare,
modificare e addirittura riprogrammare il codice genetico presente
nell'essere umano e influire, tramite di esso, sulle altre forme di vita
animale, vegetale, minerale, subatomica e interstellare.
La stessa struttura fisica del testo sacro ricalca la struttura del genoma
umano, e la codificazione del genoma umano, a sua volta, rivela una
sorprendente conformità con i codici esoterici tramandataci dai Maestri
della tradizione ebraica.

Israèl è il popolo del “libro”, o meglio della “Parola” e, come tale, ha
sviluppato nel suo seno una mistica del linguaggio, chiamata Kabbalah.
Secondo la Bibbia ebraica D-o1 crea tutto mediante la Sua Parola. La parola
è all’origine di tutto ciò che esiste. Secondo la Kabbalah ebraica il testo
della Torah cos’ ì com’è scritto e ci viene tramandato, non è nient’altro
che l’ultima tappa di un progressivo processo di “materializzazione” della
Torah eterna e increata che il Verbo divino compie nel suo discendere verso
gli uomini; la Parola di D-o cioè si restringe, si veste del linguaggio
umano affinché possa essere udita e compresa. Dunque a partire dal testo
sacro è possibile ripercorrere il cammino all’inverso: a partire dalle
parole è possibile risalire alla loro sorgente primigenia.
In effetti, ciò che distingue l’uomo da tutte le altre creature e che lo
rende allo stesso tempo simile al suo Creatore è appunto la “parola”.

Per questa ragione l’ebreo religioso è sottomesso ad una mole indicibile di
rigidissime regole che concernono un uso santo della lingua: con le parole
che pronunciamo costruiamo o distruggiamo mondi.
La parola umana ci rivela, ci comunica e trasmette il pensiero per mezzo di
codici linguistici costituiti dall’infinita combinazione di suoni-base che
vengono associati ad elementi grafici quali le lettere dell’alfabeto. Il
suono della voce, l’inchiostro e la carta diventano i supporti materiali
mediante i quali le informazioni del linguaggio vengono trasmesse; le
lettere dell’alfabeto, sotto forma di molecole d'aria compressa in onde
sonore o sotto forma di simboli grafici, sono i veicoli del viaggio, che
permettono cioè lo spostamento spazio-temporale del messaggio.

La tradizione ebraica considera le lettere della lingua santa, l’ebraico
(lingua madre da cui derivano le altre lingue), non come semplici elementi
di comunicazione semantica o come astratti strumenti di calcolo matematico,
ma come le tracce delle realtà superiori da cui provengono, e attraverso le
quali è possibile risalire alla loro sorgente suprema.

In questo modo le lettere, veicoli di energia divina, diventano per il
kaballista vere icone di contemplazione mistica, e l’atto stesso di
scriverle imita l’atto creatore di Colui che tutto ha creato mediante di
esse.
I Maestri si accostano al testo Sacro con una metodologia simile a quella
che gli scienziati adottano per analizzare la materia: ogni parola viene
ingrandita come per mezzo di una lente al fine di analizzarne la forma e
struttura interna. Le parole sono come geni di un cromosoma estratto da una
cellula del corpo della Torah. Per il kabalista le lettere dell’alfabeto
ebraico sono i veri mattoni per mezzo dei quali D-o ha creato l’universo in
ogni sua parte e trovano il loro corrispondente nelle particelle subatomiche
che compongono la materia.
Entrando così in ogni singola parola, a partire dal più piccolo segno, i
Maestri riescono ad estrarre tesori inimmaginabili e a comprendere le leggi
che governano la materia, le galassie e tutti i mondi.

La Kabbalah è una scienza mistica, e come ogni scienza che si rispetti, si
avvale anch'essa dell'applicazione rigorosissima di tecniche
alfabetico-numeriche al testo ebraico della Torah, come la ghemàtria, la
temurà e il notàrikon: la lingua ebraica non possiede segni grafici
numerici; le lettere dell'alfabeto ebraico sono considerate esse stesse come
cifre. In questo senso ogni lettera è una cifra, e una parola, oltre ad
essere la somma si più lettere, è anche una somma numerica di cifre
separate. Ogni associazione di lettere dà vita ad una nuova cifra, in modo
che la Torah offre di sé sia una lettura “letterale”, secondo il senso del
linguaggio, sia una lettura “numerica” in codice.

Uno dei criteri fondamentali su cui si basano le tecniche di calcolo
Kaballistico, è che fra due parole che hanno lo stesso valore numerico
esista una profonda analogia anche sul piano mistico: in questo modo, parole
completamente diverse fra loro, vengono messe in relazione alfabetica o
numerica.
Questo accostamento fra scienza e Kabbalah è un po' il filo conduttore che
lega i vari temi affrontati in questo libro: la Kabbalah ha la capacità di
integrare e conciliare questi due opposti, scienza e spiritualità.
Mentre la scienza spande in modo impressionante la sua conquista
nell'universo della materia, vediamo con sconforto che la coscienza media
dell'essere umano non sembra essere evoluta di molto rispetto al passato:
ancora oggi nel mondo esistono conflitti, ingiustizie sociali, guerre.
La separazione fra queste due sfere, scienza e spiritualità, la dicotomia
ossia fatta fra cervello sinistro e cervello destro, fra ragione e mistica,
ha fatto sì che sia la scienza che la religione abbiano in parte fallito nel
loro tentativo di migliorare l'uomo.

La scienza da sola, senza offrire le risposte relative alla causa prima di
tutte le sue ricerche, lascia l'uomo perduto in un vuoto disperato.
D'altro canto la religione, negando o allontanando le provocatorie conquiste
della ragione, spesso rischia di chiudere l'uomo in una prigione ideologica
che lo rende schiavo di un potere esterno alla propria volontà personale.
Soltanto nella Kabbalah questi due storicamente inconciliabili e
incompatibili opposti, scienza e fede, si raggiungono e fondono in
un'armoniosa unità: la mistica illumina la scienza sul valore e il senso
intrinseco delle dimensioni che essa scopre ed esplora; la scienza, a sua
volta, offrendo il supporto del rigore dell'intelletto, preserva il sapere
mistico dal rischio di cadere nell'illusione.

avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 1061
Data d'iscrizione : 31.10.09

http://angelodiluce.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum