Angelodiluce Illuminazione
Entra a far parte del forum Angelodiluce.
Ora puoi visullizzare solo una parte del forum, il resto dopo esserti iscritto e presentato
Ciao, ti aspettiamo
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Pagerank
Page Rank Checker Button
Partner


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

google
Ricerca personalizzata
traduttore

stele la verita' del vangelo di Marco

Andare in basso

stele la verita' del vangelo di Marco

Messaggio Da Angelodiluce il Mar Ago 17, 2010 1:49 pm


Smith avrebbe fotografato le tre pagine che compongono la lettera, e poi avrebbe reinserito nel libro le medesime. Quando però si è trattato di riesumare nuovamente gli originali, il testo in oggetto parrebbe essere andato perduto, oppure spostato in altro monastero e la consultazione dello stesso vietata o profondamente limitata.
Lo studio dello stesso sarebbe quindi solamente sulle copie fotografiche di Smith, oltre a quelle di altri studiosi che vedremo in seguito, da cui risulta evidentemente che la prova dell'esistenza del Vangelo Segreto di Marco è doppiamente indiziaria: di questo scritto si parla in una lettera attribuita a Clemente, e di questa lettera allo stato attuale manca l'originale. In virtù del contenuto di tale documento, della sua attribuzione a Clemente, e della mancanza di prove certe dirette, il mondo accademico americano si è spaccato fra coloro che ne sostengono l'autenticità, e coloro che apertamente parlano di truffa da parte di Morton. Alcuni echi di questa vicenda sono giunti anche in Italia, anche se stranamente non mi risulta che vi sia stato in dibattito approfondito in merito.

Il Contenuto

Translation by Morton Smith:
From the letters of the most holy Clement, the author of the Stromateis. To Theodore.
You did well in silencing the unspeakable teachings of the Carpocratians. For these are the "wandering stars" referred to in the prophecy, who wander from the narrow road of the commandments into a boundless abyss of the carnal and bodily sins. For, priding themselves in knowledge, as they say, "of the deep things of Satan," they do not know that they are casting themselves away into "the nether world of the darkness" of falsity, and, boasting that they are free, they have become slaves of servile desires. Such men are to be opposed in all ways and altogether. For, even if they should say something true, one who loves the truth should not, even so, agree with them. For not all true things are the truth, nor should that truth which merely seems true according to human opinions be preferred to the true truth, that according to the faith.
Now of the things they keep saying about the divinely inspired Gospel according to Mark, some are altogether falsifications, and

others, even if they do contain some true elements, nevertheless are not reported truly. For the true things being mixed with inventions, are falsified, so that, as the saying goes, even the salt loses its savor.
As for Mark, then, during Peter's stay in Rome he wrote an account of the Lord's doings, not, however, declaring all of them, nor yet hinting at the secret ones, but selecting what he thought most useful for increasing the faith of those who were being instructed. But when Peter died a martyr, Mark came over to Alexandria, bringing both his own notes and those of Peter, from which he transferred to his former book the things suitable to whatever makes for progress toward knowledge. Thus he composed a more spiritual Gospel for the use of those who were being perfected. Nevertheless, he yet did not divulge the things not to be uttered, nor did he write down the hierophantic teaching of the Lord, but to the stories already written he added yet others and, moreover, brought in certain sayings of which he knew the interpretation would, as a mystagogue, lead the hearers into the innermost sanctuary of that truth hidden by seven veils. Thus, in sum, he prepared matters, neither grudgingly nor incautiously, in my opinion, and, dying, he left his composition to the church in Alexandria, where it even yet is most carefully guarded, being read only to those who are being initiated into the great mysteries.
But since the foul demons are always devising destruction for the race of men,
Carpocrates, instructed by them and using deceitful arts, so enslaved a certain presbyter of the church in Alexandria that he got from him a copy of the secret Gospel, which he both interpreted according to his blasphemous and carnal doctrine and, moreover, polluted, mixing with the spotless and holy words utterly shameless lies. From this mixture is drawn off the teaching of the Carpocratians.
To them, therefore, as I said above, one must never give way; nor, when they put forward their falsifications, should one concede that the secret Gospel is by Mark, but should even deny it on oath. For, "Not all true things are to be said to all men." For this reason the Wisdom of God, through Solomon, advises, "Answer the fool from his folly," teaching that the light of the truth should be hidden from those who are mentally blind. Again it says, "From him who has not shall be taken away," and, "Let the fool walk in darkness." But we are "children of light," having been illuminated by "the dayspring" of the spirit of the Lord "from on high," and "Where the Spirit of the Lord is," it says, "there is liberty," for "All things are pure to the pure."
To you, therefore, I shall not hesitate to answer the questions you have asked, refuting the falsifications by the very words of the Gospel. For example, after ,"And they were in the road going up to Jerusalem," and what follows, until "After three days he shall arise," the secret Gospel brings the following material word for word:
"And they come into Bethany. And a certain woman whose brother had died was there. And, coming, she prostrated herself before Jesus and says to him, 'Son of David, have mercy on me.' But the disciples rebuked her. And Jesus, being angered, went off with her into the garden where the tomb was, and straightway a great cry was heard from the tomb. And going near Jesus rolled away the stone from the door of the tomb. And straightway, going in where the youth was, he stretched forth his hand and raised him, seizing his hand. But the youth, looking upon him, loved him and began to beseech him that he might be with him. And going out of the tomb they came into the house of the youth, for he was rich. And after six days Jesus told him what to do and in the evening the youth comes to him, wearing a linen cloth over his naked body. And he remained with him that night, for Jesus taught him the mystery of the kingdom of God. And thence, arising, he returned to the other side of the Jordan."
After these words follows the text, "And James and John come to him," and all that section. But "naked man with naked man," and the other things about which you wrote, are not found.
And after the words, "And he comes into Jericho," the secret Gospel adds only,
"And the sister of the youth whom Jesus loved and his mother and Salome were there, and Jesus did not receive them."
But the many other things about which you wrote both seem to be and are falsifications.
Now the true explanation and that which accords with the true philosophy...
-----------------------------------------------------------------------------------------------------(traduzione provvisoria di Filippo Goti)
Hai fatto bene a ridurre al silenzio gli osceni insegnamenti dei Carpocratiani. Questi sono gli "astri erranti" di cui narra la profezia, che vagano dalla strada stretta dei comandamenti in un abisso sconfinato dei peccati carnali e corporali. Infatti, essi si vantano della conoscenza, come dicono, "delle profondità di Satana ", essi non sanno che si stanno conducendo" negli inferi delle tenebre "di falsità e, vantandosi che essi sono liberi, sono diventati schiavi di desideri servili. Tali uomini sono da combattere in tutti i modi. Perché, anche se dicono qualcosa di vero, chiunque ami la verità non dovrebbe, anche così, essere mai d'accordo con loro. Perchè non tutte le cose vere sono la verità, né quella verità che sembra vera solo secondo opinioni umane, da preferire alla verità vera, secondo la fede.
Ora, delle cose che continuano a dire circa la divina ispirazione del Vangelo secondo Marco, alcune sono completamente false, e altre, anche se contengono alcuni elementi di vero, tuttavia non lo possono essere veramente. Perchè le cose vere sono mescolate con invenzioni, sono quindi [size=9]
falsificate in modo che, come dice il proverbio, anche il sale perdesse il sapore.
Quanto a Marco, poi, durante il soggiorno di Pietro a Roma, scrisse un resoconto dei fatti del Signore, non però, dichiarandoli tutti, e neppure accennando a ciò che doveva rimanere segreto, ma selezionando quanto ha pensato più utile per aumentare la fede di coloro che dovevano essere istruiti. Ma quando Pietro morì martire, Marco si avvicinò ad Alessandria, portando i suoi appunti e quelli di Pietro, dal quale ha attinto e adattato ogni cosa per il progredire verso la conoscenza. Così egli compose un Vangelo più spirituale per l'uso di coloro che venivano perfezionati. Tuttavia, egli non ha divulgato ciò che non deve essere pronunciato, né ha scritto della ierofania dell'insegnamento del Signore, ma per le storie già scritte, ha aggiunto altri detti ancora e, inoltre, ne ha riportato alcuni di cui conosceva l'interpretazione dove Gesù è un mistagogo, che conducono gli ascoltatori nel santuario più intimo della verità nascosta dai sette veli. Così, in definitiva, ha preparato le cose, né a malincuore, né imprudentemente, a mio parere, e, morendo, ha lasciato la sua composizione alla chiesa di Alessandria, dove addirittura lo scritto è accuratamente custodito, e la lettura riservata a coloro che sono stati avviati nelle grandi misteri.
Ma dal momento che i demoni sono sempre fecondi nel concepire la distruzione per la razza degli uomini, Carpocrate, su incarico di loro e con arti ingannevoli, ha ridotto in schiavitù un presbitero della Chiesa di Alessandria, e ha avuto da lui una copia del Vangelo segreto, che egli ha interpretato secondo la sua dottrina blasfema e carnale e, inoltre ha inquinato, mescolando con le parole sante e senza macchia, con spudorate menzogne. Da questa miscela trova l'insegnamento carpocraziano.
Davanti a loro, dunque, come ho detto sopra, non bisogna mai cedere né, quando hanno presentato le loro falsificazioni, si dovrebbe ammettere che il Vangelo segreto è di Marco, ma si dovrebbe addirittura negare sotto giuramento. Infatti, "Non tutte le cose vere sono da dire a tutti gli uomini". Per questo motivo la Sapienza di Dio, attraverso Salomone, consiglia: "Rispondi allo stolto secondo la sua stoltezza perché egli non si creda saggio.", l'insegnamento della luce della verità dovrebbe essere nascosto a coloro che sono mentalmente ciechi. Anche in questo caso: "Da chi non ha sarà tolto", e, "ma il pazzo cammina nelle tenebre". Ma noi siamo "figli della luce", essendo stati illuminati dalla "luce della rinascita" dello spirito del Signore "dall'alto" e "Dove c'è lo Spirito del Signore è", si dice, "non vi è libertà", per "Tutte le cose sono pure per i puri".
"Ed entrano in Betania. E una donna il cui fratello era morto era lì. E, arrivando, si prostrò davanti a Gesù e gli dice, 'Figlio di Davide, abbi pietà di me.' Ma i discepoli la rimproverarono. E Gesù, incollerito con loro, se ne andò con lei nel giardino dove era la tomba, e subito dopo un grande grido è stato udito dal sepolcro. E Gesù vicino ad esso, rotolò la pietra dalla porta della tomba. E subito, andando presso il giovane, egli stese la mano e lo fece alzare, afferrando la sua mano. Ma il giovane, guardandolo, lo amò e cominciò a supplicarlo che avrebbe potuto rimanere con lui. E uscendo dal sepolcro, entrò nella casa del giovane, perché era ricco. Sei giorni dopo, Gesù gli disse cosa fare e la sera il giovane viene a lui, indossando un panno di lino sul corpo nudo. E rimase con lui anche la notte, perché Gesù gli insegnò il mistero del regno di Dio. E abbandonato quel luogo è tornato dall'altra parte del Giordano. "
Dopo queste parole segue il testo, "E Giacomo e Giovanni vengono a lui", e tutto ciò che segue. Ma "l'uomo nudo con uomo nudo", e le altre cose di cui avete scritto, non sono menzionate.
E dopo le parole: "Ed egli entra in Gerico," il segreto Vangelo aggiunge solo,
"E la sorella del giovane che Gesù amava e sua madre e Salome erano lì, e Gesù non li riceve".
Ma le molte altre cose su cui avete scritto entrambi sembrano essere e sono falsificazioni.
Ora la vera spiegazione e che si accorda con la vera filosofia ...
[/size]
Allego Pdf
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 1061
Data d'iscrizione : 31.10.09

http://angelodiluce.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum