Angelodiluce Illuminazione
Entra a far parte del forum Angelodiluce.
Ora puoi visullizzare solo una parte del forum, il resto dopo esserti iscritto e presentato
Ciao, ti aspettiamo
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Pagerank
Page Rank Checker Button
Partner


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

google
Ricerca personalizzata
traduttore

Tra cento anni l'uomo sarà estinto: la teoria del biologo Fenner

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Tra cento anni l'uomo sarà estinto: la teoria del biologo Fenner

Messaggio Da Angelodiluce il Mar Giu 22, 2010 1:46 am

La razza umana si estinguerà nei prossimi cento anni. L’allarme catastrofista che sta facendo il giro del mondo, e che sta trovando anche riscontri in parte favorevoli nella comunità scientifica, non arriva da uno sprovveduto qualsiasi, ma da uno scienziato molto noto alla comunità internazionale. Continua a leggere questa notizia

Si tratta di Frank Fenner, 95enne professore di microbiologia all’Australian National University, che ha spiegato al quotidiano The Australian che la catastrofe sarà causata dall’esplosione demografica (l’Onu prevede che nel 2011 gli abitanti della Terra saranno oltre 7 miliardi), dall’elevato livello di consumi, nonché dai cambiamenti climatici conseguenti. Lo stesso destino del genere umano, toccherà anche a moltissime specie animali.
A differenza di altri scienziati, Fenner, oltre a parlare di vera e propria "estinzione" del genere umano, ritiene che il processo sia irreversibile. Oltretutto, la colpa sarebbe da attribuire all’uomo stesso. Entrati nell’era geologica dell’Antropocene (in cui sono le attività dell’uomo a influenzare i cambiamenti climatici), il pianeta ha cominciato a subire un impatto pari a una delle epoche glaciali o alla collisione di un meteorite sulla Terra. La necessità di produrre e consumare a più non posso ha comportato un’eccessiva produzione di diossido di carbonio, che sta facendo aumentare il riscaldamento globale. Inoltre l’aumento della popolazione mondiale non farà altro che rendere il problema ancor più gravoso.
Eppure, segnala ancora Fenner, gli aborigeni australiani hanno mostrato che è possibile vivere per 40-50 mila anni senza questi eccessi del progresso scientifico. Ma il mondo sembra non poterne fare a meno e così "la razza umana rischia di fare la stessa fine di molte altre specie che si sono estinte nel corso degli anni".
L’allarme di Fenner non è certo da sottovalutare, tenendo conto dei successi e dei riconoscimenti ottenuti nel corso della sua vita. Nato nel 1914, Fenner ha girato il mondo e già nel 1945 si batté contro la malaria in Papua Nuova Guinea: per questo fu nominato Membro dell’Ordine del’'Impero Britannico. Iniziò poi a New York uno studio su diversi virus, tra cui il vaiolo. E nel 1980 poté dichiarare debellato il virus: un grande successo per l’Organizzazione mondiale della sanità che gli diede un riconoscimento ufficiale.
Nel corso della sua vita si è anche interessato al tema dell’ambiente fondando in Australia la Fenner School of Environment and Society. Nel 1979 Fenner si ritirò dall’insegnamento; ciò nonostante nel 2000 ricevette l’Albert Einstein World Award Science.
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 1061
Data d'iscrizione : 31.10.09

http://angelodiluce.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum