Angelodiluce Illuminazione
Entra a far parte del forum Angelodiluce.
Ora puoi visullizzare solo una parte del forum, il resto dopo esserti iscritto e presentato
Ciao, ti aspettiamo
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Pagerank
Page Rank Checker Button
Partner


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

google
Ricerca personalizzata
traduttore

Folie à deux

Andare in basso

Folie à deux

Messaggio Da Angelodiluce il Mar Apr 20, 2010 8:59 pm

Una sindrome clinica chiamata in psichiatria disturbo psicotico condiviso



Tra i serial killer che preferiscono uccidere in coppia si instaura quella che comunemente viene detta folie à deux (follia in due).
Si tratta di una sindrome clinica piuttosto rara chiamata in psichiatria disturbo psicotico condiviso. È caratterizzata dal transfert di sintomi psicotici, principalmente deliri paranoici ma a volte anche allucinazioni, da un soggetto a un altro.

Anche se quasi mai gli assassini seriali sono soggetti affetti da sindromi psicotiche, l’espressione "follia in due" risulta particolarmente efficace, in quando dà l’esatta idea di ciò che accade: due persone percorrono assieme una strada costellata di atti scellerati e al di fuori del comune concetto di normalità; una strada che può portare all’omicidio seriale.

Il primo a descrivere tale disturbo fu Legrand du Saulle nel 1871, che parlò di "idee di persecuzione trasmesse, o delirio a due o tre persone". Successivamente Lasègue e Falret formalizzarono due condizioni necessarie affinché si potesse parlare di "follia in due": la prima, i soggetti della coppia devono trascorrere un certo periodo della loro vita in uno stesso ambiente, la seconda, il delirio si deve mantenere nella sfera del reale e basarsi su attività concrete.

Partendo da queste teorie, nel 1949 Gralnick descrisse quattro tipi di follia in due, distinguendoli sulla base della relazione tra i due individui affetti:

- La folie imposée (“imposta”) è la tipologia più comune: in essa, un individuo dominante trasferisce i propri sintomi a un altro soggetto, solitamente più giovane, sottomesso e suggestionabile. In genere la separazione delle due persone provoca una regressione della sindrome psicotica nell’individuo sottomesso.

- Nella folie simultanée (“simultanea”), due pazienti che vivono a stretto contatto, entrambi predisposti a psicosi, sviluppano sintomi nello stesso momento e in maniera indipendente. In questo caso, nessuna delle due parti sembra dominante e non si riscontra nessun miglioramento a seguito della loro separazione.

- Nella folie communiquée (“comunicata”), invece, i due pazienti 34 predisposti sviluppano una psicosi con un intervallo di tempo: il soggetto dominante induce un sistema delirante simile al proprio nel sottomesso. Una volta comparso, però, questo non si annulla dopo la separazione delle due parti.

– Nell’ultima tipologia, folie induite (“indotta”), infine, due pazienti con una preesistente psicosi arricchiscono i propri deliri adottando l’uno parte di quelli dell’altro.

(l'articolo è un estratto dal saggio In due si uccide meglio – quando i serial killer uccidono in coppia rimaneggiato per i cereal Wiki da Biancamaria Massaro per gentile concessione degli Autori)
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 1061
Data d'iscrizione : 31.10.09

http://angelodiluce.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum