Angelodiluce Illuminazione
Entra a far parte del forum Angelodiluce.
Ora puoi visullizzare solo una parte del forum, il resto dopo esserti iscritto e presentato
Ciao, ti aspettiamo
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Pagerank
Page Rank Checker Button
Partner


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di Angelodiluce Illuminazione sul tuo sito sociale bookmarking

google
Ricerca personalizzata
traduttore

Questo chip vi salverà la vita

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Questo chip vi salverà la vita

Messaggio Da Angelodiluce il Gio Nov 05, 2009 1:49 am

tratto da Il Corriere della Sera dell'11 aprile 2002
E' lungo un centimetro e diventerà la vostra carta d'identità clinica sempre a portata di mano. In futuro potrebbe servire ai portatori di handicap per muovere arti atrofizzati. E intanto una famiglia americana (padre, madre e figlio) comincerà la sperimentazione sulla, anzi sotto la propria pelle.

Di Luigi Bigiami

A vederlo andare a scuola, viene da pensare che Derek Jacobs, 14 anni, di Boca Raton (Florida), sia uno studente come molti altri. Ma non è così. Quando ne aveva 12, la Microsoft gli ha assegnato la qualifica di ingegnere di sistemi e a 13 ha fondato una società di consulenza per computer, la Frist Class Inc. Un ragazzo prodigio?
Certamente sì, anche se questa definizione adesso è un po' restrittiva: nelle prossime settimane Derek si trasformerà in cyborg, mezzo uomo e mezzo macchina. E il bello è che in questa avventura è riuscito a coinvolgere anche sua mamma Lesile e suo papà Jeffrey. Non appena la Food and Drug Administration (l'ente americano che certifica le nuove applicazioni mediche) darà l'ok, la famiglia Jacobs si farà impiantare un microcomputer sotto la pelle. Il VeriChip, questo il nome del sofisticato marchingegno, contiene alcuni chilobytes di memoria e una piccolissima radiotrasmittente in grado di dialogare con un normale computer. Al suo interno, per il momento, verranno registrati tutti i dati medici degli Jacobs, dal gruppo sanguigno alle malattie di una certa importanza, dalle allergie alla necessità di usare alcuni medicinali. La famiglia di Derek, dunque, sta per diventare la prima generazione di umani che possederanno una sorta di codice a barre, oggi usato per identificare caratteristiche e prezzi delle merci ai supermercati.

Basta un'iniezione. L'inserzione del chip sotto pelle è semplice e richiede pochi secondi. Richard Seeling, il direttore medico della Ads (Applied Digital Solution), la società che sta studiando il VeriChip, spiega: <>.
L'apparecchio, secondo il medico, è del tutto biocompatibile e, quindi, non ci dovrebbe essere problemi di rigetto da parte dell'organismo. La capsula è lunga 11,1 millimetri, ha un diametro di 2,1 millimetri e trasmette sulla frequenza di 125 khz.
La storia inizia due anni fa, quando Derek, vedendo alla televisione la presentazione del VeriChip, capisce che si tratta di una scoperta straordinaria. <>, racconta la madre, <>.
<>, spiega Keith Bolton, vicepresidente della Ads. <della sua salute. C'era pericolo che gli analgesici che gli avrebbero somministrato potessero farlo morire perché non compatibili con la sua malattia. Sia Derek sia Jeffrey erano, quindi, volontari ideali per la sperimentazione del VeriChip. Così ho accettato la loro offerta. Il chip parlerà per loro, farà sì che tutte le informazioni sulla loro salute possano essere trasmesse a un medico in caso di necessità>>.

Secondo la Applied Digital Solution, questo microchip è solo il modello base. Ben presto un VeriChip nuova versione avrà al suo interno sensori in grado di leggere le caratteristiche vitali di una persona (battiti cardiaci, temperatura, pressione, colesterolo ecc.) e trasmetterla a un computer. E già si studia il VeriChip che potrà essere collegato direttamente a un satellite per seguire la posizione di una persona, secondo dopo secondo.
<>, spiega Seeling <>. Persone superschedate, sempre rintracciabili, in balia del Grande Fratello? Se l'uso del VeriChip diventerà comune solleverà sicuramente una serie di problemi etici.

Chip to chip. L'impianto di biochiop non è, comunque un'esclusiva della americana Ads. Kevin Warwick, cibernetico della University of Reading, in Inghilterra, nelle prossime settimane si autoimpianterà un sistema che gli permette di collegare senza fili i nervi di un suo braccio con un computer il quale registrerà l'attività del sistema nervoso e stimolerà i nervi a produrre movimenti ampi. Lo scopo? Aiutare una persona paralizzata a muovere quelle parti del corpo che il cervello non riesce più a far funzionare. Se l'esperimento avrà successo, nel giro di poco tempo il ricercatore impianterà un biochip simile nel braccio di sua moglie Irene e farà sì che i due sistemi possano comunicare tra loro. <>, spiega Warwich.

-------------------------------------------------------
"Ed egli (la bestia od anticristo) faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte, e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero della bestia. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d'uomo. E tale cifra è seicentosessantasei".
Tratto dall'Apocalisse di Giovanni

Si ringrazia Luca
v
www.disinformazione.it
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 1061
Data d'iscrizione : 31.10.09

http://angelodiluce.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum